Tutto, ma proprio tutto quello che c’è da sapere sull’universo dei supereroi Marvel.

Odoya dà alle stampe il primo volume della più completa Guida ai supereroi Marvel mai pubblicata in Italia a firma Luca Barbieri (Storia dei pistoleri; Storia dei Licantropi Odoya) e Gianluca Ferrari (50 anni di Hulk Ass.culturale Il Foglio).
Si parte con un’entusiasta prefazione che inquadra la storia e l’importanza della casa editrice (firmata Giuseppe Guidi: uno dei più importanti traduttori della Panini Comics) e una fitta introduzione degli autori, per proseguire con le spiegazioni (molto utili per orientarsi!) delle varie tipologie di eroi (superumani, eterni, mutanti, olimpici, alieni etc) e dei gruppi di personaggi sia “buoni” che antagonisti (Fantastici 4, Avengers, etc) per poi inoltrarsi nella trattazione dei singoli personaggi: dalla A di A-Bomb  alla H di Human Torch passando tra gli altri da Captain America, Hulk, Blade e Emma Frost.
Le pubblicazioni della “Casa delle Idee” hanno creato una vera e propria cosmogonia di personaggi con un ramificato universo (tra dei e alieni) di riferimento. Non a caso il cinema, con i potenti mezzi della CG, ripropone oggi le avventure tecnologicamente avanzate di Iron Man o le strabilianti bizzarrie dei “vendicatori”.
Nel 1961 i fumetti dell’ex casa editrice Atlas non reggevano il confronto con la concorrente DC comics (Batman), l’editore così affidò a tre immaginifici fumettisti le sorti delle nuove pubblicazioni: Stan Lee, Jack Kirby e Steve Ditko divennero i Magnifici Tre della Timely poi Marvel.
La “rivoluzione copernicana” degli eroi creati alla Marvel è rappresentata dall’umanizzazione dei super-personaggi: una delle famose affermazioni di Stan Lee è di aver creato “supereroi con superproblemi” dalla timidezza di Peter Parker-Uomo Ragno alla cecità di Daredevil passando per dubbi e debolezze di vari superumani e semidei. Un’altra caratteristica avvicina i villains marvelliani alle caratteristiche di noi semplici esseri umani: la capacità di lavorare insieme, di fare squadra. I Fantastici Quattro, per esempio,  sono una vera e propria famiglia.
Come per tutte le grandi saghe, il godimento nella fruizione di fumetti e film per il grande schermo è legata alla conoscenza  dei presupposti. Perché Iron Man indossa un’armatura? È per esempio una domanda lecita se si affrontano i recenti film in cui compare Robert Downey Jr. nei panni del vendicatore di ferro oppure si inizia a seguirne i fumetti non dal primo numero (ormai introvabile). In altre parole: il difficile è entrare subito nelle storie e capire implicazioni e legami di questi what if. Questa guida nasce proprio per questo: Barbieri e Ferrari con paziente diligenza ci spiegano i quando, i come e i perché di questo universo fantastico e fantasmagorico.
Il secondo volume è previsto per Ottobre. Le copertine saranno differenti e componibili in un’immagine unica.

Arriva il libro “Guida ai Supereroi Marvel volume I”

Redazione
About The Author
-