facetalk@: #Di15secondi bastano e avanzano

RUBRICA facetalk@ – i protagonisti del web –

di Lorenza Fruci

Sul web è nata un’altra piccola droga che proprio per la sua natura rende dipendenti: #Di15secondi, video-recensioni musicali di soli 15 secondi. Nate da un’idea della giornalista musicale (ma non solo) Diletta Parlangeli, fanno parte di un format pensato per Instagram che al momento permette di realizzare dei video della durata massima di 15 secondi. Un limite temporale dunque che Parlangeli ha colto come una sfida, quella di recensire un album con un racconto che non lo superasse. 

E come riuscirci? Usando dei pochi, ma giusti, aggettivi e indicando il brano migliore di ogni album. Poche ma sintetiche informazioni date con essenziali parole capaci di esprimere il mood musicale dei pezzi. Solo apparentemente semplice. Bisogna conoscere la materia per riuscirsi. E Parlangeli la conosce, dando credibilità al prodotto editoriale.

10968466_539936479479500_7980324304112023007_n

Il format è partito a Gennaio 2015 e a Febbraio si è subito declinato sul Festival di Sanremo, dal quale la giornalista ci ha raccontato chicche e curiosità e ci ha commentato vincitori e vinti, sempre e solo in 15 secondi. Sempre “per non perdere tempo” che è il dictat al quale siamo tutti “sottomessi” mentre corriamo da una parte all’altra della città senza rinunciare ad essere informati. E così l’informazione ha imparato a seguire i nostri ritmi ed a adattarsi ai nostri tempi di attenzione che diminuiscono giorno dopo giorno. E proprio per questo il format funziona, perché racchiude le esigenze della contemporaneità, utilizzando uno stile narrativo sintetico e avvincente, con una sua, seppure minima, caratteristica registica: l’inquadratura dall’alto che richiama molto quella dei selfie.

10906100_521609724645509_983965950193581441_n

Le puntate di #Di15secondi vengono pubblicate su Instagram (@diletta8) e poi rilanciate sugli altri social come fb e twitter (@Di15secondi); sono state progettate e prodotte da VUDIO, società che opera nel videomaking e realizza strategie editoriali che integrano video e live streaming, usando lo storytelling.

#di15secondi ha un significato letterale, ma anche un richiamo all’autrice (“Di” sta per “di Diletta”). Il sottotitolo “Non c’è un minuto di più” è una citazione dalla canzone di Ivano Fossati “L’angelo e la pazienza” (“…e dopo centomila ore, non c’è un minuto di più”), che in questo caso gioca con il concetto di non avere un minuto a disposizione, ma solo 15 secondi.

Insomma il format funziona e, non solo ne sentiremo parlare, ma molto probabilmente lo vedremo riproposto su altre piattaforme. Teniamolo d’occhio.

10897806_516900608449754_8841002023172399628_n

facetalk@: #Di15secondi bastano e avanzano

Redazione
About The Author
-